Come si sbianca una trave in legno per mantenere le sue venature?

Condividi

Il soffitto in legno con travi a vista è un ornamento tipico delle casa antiche, dal grande potere estetico. Conferisce eleganza e valore alla casa. Tuttavia, col tempo il legno può iniziare a deteriorarsi e necessitare di alcuni interventi di restauro, per ritrovare la sua originaria bellezza. In questo articolo, illustreremo come sbiancare le travi in legno, mettendone in risalto le venature naturali.

Come sbiancare le travi in legno

Sbiancare le travi in legno è un’operazione semplice da eseguire che può tornare utile quando si vuole rinnovare lo stile del soffitto o combattere i segni del tempo. Per farlo, sarà necessario munirsi dei seguenti materiali:

– Carta vetrata con grana spessa e sottile;
– Levigatrice;
– Stucco per legno;
– Spatola in metallo;
– Impregnante bianco;
– Vernice protettiva trasparente;
– Cera lucidante per legno.

Tutti questi prodotti sono reperibili presso i negozi di bricolage, hobbistica e ferramenta. Prima di iniziare col processo di sbiancamento delle travi, sarà necessario preparare adeguatamente il legno. Con la carta abrasiva a grana spessa, rimuovere residui di pitture vecchie, incrostazioni e zone che presentano scaglie di legno o che tendono a sfaldarsi facilmente. In seguito, rendere la superficie omogenea e perfettamente liscia, con l’aiuto della levigatrice elettrica. Se sulle travi sono presenti crepe e lesioni, utilizzare lo stucco per riempire le fessure e lasciarlo asciugare per 24 ore. Per eliminare la presenza di tarli e insetti, invece, munirsi di spray insetticida specifico per il legno e lasciare l’ambiente al chiuso per alcuni giorni, finché tutti gli animaletti non saranno sterminati. Quando le travi saranno finalmente igienizzate, levigare le zone irregolari coperte dallo stucco, usando la carta vetrata a grana sottile. Durante la procedura di abrasione, utilizzare un tocco deciso ma delicato, in modo da non danneggiare o bucare il legno.

Qualora il legno risulti colpito dall‘umidità, è consigliabile rivolgersi ad una ditta esperta per effettuare un trattamento di sabbiatura delle travi. Esso consentirà di rimuovere le parti fradici e ripristinare la salute del legno. A questo punto, passare l’impregnate bianco sulla superficie e lasciare in posa per circa tre ore. Tale operazione può essere ripetuta più volte, in base al tipo di risultato che si vuole ottenere. Al termine della procedura sbiancante, applicare la vernice protettiva trasparente, in modo da proteggere il legno, senza nascondere le venature naturali. Infine, completare il restauro, passando uno strato di cera lucidante sulle travi, per farle luccicare e rendere il soffitto come nuovo. Quando si svolge questo tipo di lavoro, utilizzare sempre guanti e mascherina protettiva, in modo da evitare di inalare i gas rilasciati dai prodotto chimici. Sbiancare le travi in legno può impiegare qualche giorno, in base all’ampiezza del soffitto da trattare.  Se non si è esperti nel fai da te, si può affidare il lavoro a una ditta specializzata che, dopo aver effettuato un attento sopralluogo, stabilirà l’entità dell’intervento da realizzare e il preventivo.

Se si sceglie la seconda opzione, il costo complessivo di tale procedura si aggira intorno ad 16,50 €/mq per due o tre mani di verniciatura.


Vernice impregnante sbiancante: quale scegliere?

Gli impegnanti sono un valido aiuto nella protezione del legno in casa.

Essi creano una barriera che impedisce agli sbalzi di temperatura, agli agenti atmosferici e ai microrganismi dannosi di alterare la qualità del materiale, facendolo durare più a lungo nel tempo. In commercio, esistono diverse tipologie di vernici impregnati sbiancanti per le travi in legno, ognuna adatta a scopi differenti. Le più diffuse sono quelle a base d’acqua e a base di solvente.

Gli impregnanti ad acqua si diffondono facilmente sul legno e permettono di eseguire una pennellata più spessa e corposa. Favoriscono la traspirazione del legno e si adattano meglio ai cambiamenti climatici. Invece, gli impregnanti a base di solvente hanno il vantaggio di andare più in profondità nel legno e di sbiancarlo più velocemente, rispetto ad altri prodotti. Tuttavia, sono ricchi di sostanze chimiche organiche che possono emettere fumi potenzialmente nocivi per la salute, durante la procedura di restauro. Gli impregnanti sbiancanti vanno differenziati dalle classiche vernici per il legno. Quest’ultime, infatti, tendono a coprire l’intera superficie, nascondendone le peculiarità, al contrario degli impregnanti che proteggono, preservando l’estetica naturale del legno. Inoltre, le vernici tradizionali si deteriorano più velocemente e hanno una scarsa resistenza agli sbalzi di temperatura. Infine, la loro rimozione risulta più complessa, rispetto agli impregnanti, per i quali non è necessario eliminare il vecchio strato sottostante, prima di applicare una nuova mano di vernice.

Un’ulteriore tipologia di protezione per il legno, è l’impregnante cerato. Si tratta di un prodotto che unisce i benefici dell’impregnante e della finitura. Possiede una consistenza densa che può rendere l’applicazione più complessa, tuttavia permette di completare la procedura di restauro, utilizzando un unico prodotto, anziché due. L’unico difetto di questo tipo di impregnante è che tende a coprire le venature del legno e dunque, non è indicato per chi desidera mantenere un effetto completamente naturale.

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.

2 thoughts on “Come si sbianca una trave in legno per mantenere le sue venature?

  1. Articolo molto interessante ed utile ma non ho capito a cosa si riferisce la valutazione del costo: solo materiali o anche manodopera? Per che metratura?

    • Buongiorno Antonella,

      nell’articolo c’era una imprecisione, prontamente corretta. Se vuole affidarsi a un professionista serio, il materiale lo procura lui a seconda del tipo di superficie da trattare e il costo si aggira sui 15 euro al mq. Per maggiori informazioni a riguardo, può compilare questo form: http://mulfarimbianchino.com/contattami/

      Grazie e continua a seguirci!

      Diego Mulfari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *