Vernice lavabile: come applicarla, dove comprarla e come pulirla.

I muri di casa sono spesso soggetti a formazioni di sporco e macchie, lasciate dagli schizzi di cibo e liquidi, da urti e pedate accidentali, da aloni e molto altro. Ridipingere le pareti di casa con la pittura lavabile è la soluzione ideale per mantenerli sempre puliti e in perfette condizioni, soprattutto in presenza di bambini e animali. In questo articolo, spiegheremo cos’è la vernice lavabile e come utilizzarla.

Cos’è la vernice lavabile

La vernice lavabile è una speciale pittura con proprietà idrorepellenti che gli permettono di resistere all’azione corrosiva dell’acqua. In questo modo, è possibile ripulire le superfici murarie dalla presenza di macchie e incrostazioni, semplicemente utilizzando un panno umido e senza alterare la colorazione. Inoltre, la pittura lavabile protegge i muri dalla condensa, preservandone l’estetica e la funzionalità negli anni. Si tratta di un prodotto igienizzante che impedisce la proliferazione di muffe e agenti batterici, anche in presenza di umidità. La vernice lavabile è molto versatile, si adatta bene ad ogni tipo di intonaco e può essere applicata anche su pareti già precedentemente verniciate. Può essere acquistata in tante varianti di colore, dalle tinte neutre a quelle intense e vivaci.

In genere, ogni litro di prodotto può coprire una superficie fino a 5 metri, mentre per una maggiore coprenza, è necessario utilizzare due mani di colore. Per essere stesa, questo tipo di pittura deve essere diluita con l’acqua. In questo modo, acquisisce una consistenza morbida e fluida che può essere prelevata con un pennello a setole morbide o con un rullo tradizionale. I tempi di asciugatura sono medi e permettono un’imbancatura veloce della casa. Infine, la temperatura ideale per favorire il corretto ancoraggio della pittura lavabile sui muri deve oscillare tra i 10 gradi e i 30 gradi. Il periodo migliore per imbiancare, quindi, è la primavera, quando l’aria non è particolarmente umida o secca, a causa del calore.

Dove applicare la vernice lavabile in casa

La vernice idrorepellente si può applicare in diversi ambienti della casa ed è indicata soprattutto per rinnovare lo stile del bagno e della cucina. Si tratta di stanze soggette all’umidità e alle infiltrazioni d’acqua, per questo motivo, possono presentare tracce di muffa negli angoli e condense. Grazie alla vernice lavabile, le pareti si mantengono in perfette condizioni per molto tempo, senza necessità di essere ritoccate. In cucina, la pittura lavabile è indicata soprattutto in prossimità dei fornelli e del lavello. Infatti, queste aree sono spesso soggette all’aggressione di residui di cibo, spruzzi di liquidi e fumi di cottura che danneggiano i muri, alterandone il colore e la qualità della superficie. Questo tipo di vernice consente di rimuovere le macchie senza fatica e senza necessità di strofinare, lasciando le pareti come nuove, anche dopo molti anni. In bagno, invece, la pittura idrorepellente può essere usata per proteggere le aree prive di mattonelle e la zona della doccia. Si tratta di zone umide che, se non adeguatamente protette, possono andare incontro a formazioni batteriche nocive per la salute. Inoltre, la pittura lavabile possiede un elevato potere coprente, ideale nel caso in cui si vogliano rimuovere macchie vecchie o sostituire colorazioni precedenti molto accese.

Come pulire la vernice lavabile

Mantenere le pareti pulite richiede attenzione durante la vita quotidiana e un’igiene periodica. Ciò serve a rimuovere, non solo lo sporco evidente, ma anche la polvere che si accumula naturalmente sui muri. Per pulire la vernice lavabile, la prima cosa da fare consiste nel rimuovere la fuliggine con un aspirapolvere e poi procedere con un panno in microfibra, inumidito con acqua calda e un goccio di sapone neutro, per l’eliminazione delle macchie. Non utilizzare detergenti aggressivi poiché potrebbero rimuovere la pittura. Per sicurezza, applicare un pò di prodotto in un angolo nascosto, prima di eseguire la pulizia dell’intera parete. Per gli angoli più piccoli e difficili da raggiungere, si può utilizzare uno spazzolino. Una volta igienizzati i muri, asciugarli con uno straccio asciutto in cotone, in modo da non rilasciare pelucchi sulla superficie e rimuovere efficacemente ogni traccia d’umido. Non usare spugne abrasive poiché potrebbero rovinare la superficie. Inoltre, la pittura lavabile consente di eliminare anche i segni lasciati dallo sfregamento di mobili e oggetti, utilizzando una comune gomma cancellabile. Con questi piccoli accorgimenti, il colore sulle pareti si preserva a lungo, rimandando la necessità di rimbiancare.

Dove acquistare la vernice lavabile e quanto costa

La vernice lavabile è molto facile da reperire. Viene venduta nei negozi di hobbistica, nelle ferramenta e nei negozi di fai da te e prodotti per l’edilizia. Si trova in formati differenti, con un contenuto che oscilla tra i 2 e i 15 litri di prodotto. Il costo della vernice lavabile è di circa 5 euro al litro e può variare in base alla marca prescelta. La versione di questa pittura più diffusa è disponibile nella colorazione bianca. Tuttavia, può essere tinta utilizzando le boccette di colore liquido e ottenere tinte personalizzate. In alternativa, spendendo un pò di più, è possibile acquistare della vernice idrorepellente già colorata e diluita, pronta per l’uso.

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.

Cromoterapia: effetti dei colori delle pareti di casa sul tuo stato d’animo.

La scelta dei colori da utilizzare per ridipingere le pareti di casa può avere una forte influenza sul proprio stato d’animo. Infatti, ogni colore ha la capacità di produrre una stimolazione sensoriale specifica, generando emozioni differenti, sia positive sia negative. Per questo motivo, è fondamentale scegliere le tinte più idonee per gli ambienti domestici, in base ai risultati che si desidera ottenere. In questo articolo, spiegheremo cos’è la cromoterapia e quali effetti produce sullo stato d’animo.

Cos’è la cromoterapia

La cromoterapia è una disciplina che si basa sull’utilizzo dei colori per stimolare il corpo e la mente e suscitare emozioni differenti. Ha scopi terapeutici e mira a migliorare la qualità della vita delle persone, attraverso l’uso dei colori e lo studio della luce. Infatti, le ricerche hanno dimostrato che il cervello interpreta le lunghezze d’onda come colori, producendo reazioni diverse a seconda della nuance con cui viene a contatto. La scelta dei colori delle pareti non va, dunque, sottovalutata poiché può influenzare il nostro benessere in casa e donare energia per affrontare le sfide della vita quotidiana.

Gli effetti della cromoterapia in casa

Trarre spunto dalla cromoterapia per scegliere i colori delle pareti può influenzare positivamente lo stato d’animo delle persone e favorire la vitalità. Ogni tinta invia un segnale al cervello che viene decodificato dal sistema nervoso, generando una reazione emotiva differente. Ciò ha delle conseguenze, non solo sull’umore, ma anche sull’integrità di organi e tessuti. Per queste ragioni, la scelta delle nuances da usare in casa risulta fondamentale per una vita domestica salutare. Ecco i principali colori che influenzano lo stato d’animo:

– Rosso: è uno dei colori maggiormente stimolanti per il sistema nervoso. Contribuisce ad aumentare l’energia delle stanze. Stimola l’entusiasmo, la passione e la vitalità, per questo motivo è consigliabile usarlo solo in aree living della casa. Va evitato, invece, nei luoghi adibiti al riposo, come le camere da letto, poiché può influenzare negativamente il sonno. Propria a causa delle sue proprietà eccitanti, è sconsigliato usarlo come colore predominante all’interno di una stanza. Al contrario, può essere usato come dettaglio, per favorire energia e positività. Se utilizzato in modo eccessivo può generare emozioni negative come il nervosismo, la rabbia e l’irritabilità. Il rosso produce degli effetti eccitanti anche su alcune zone del corpo, come il fegato e la vescica. Inoltre, può aumentare la pressione sanguigna e incrementare l’appetito;

– Giallo: questo colore stimola l’ottimismo, l’allegria e la positività in casa. Se usato in cucina e nelle sale da pranzo, incrementa l’appetito e il buon umore. Nelle sue tonalità pastello, può essere impiegato in tutta la casa, creando una sensazione di piacevole benessere e calore umano. Tuttavia, se usato in quantità eccessive o in tonalità troppo accese, può generare sentimenti di malessere, come frustrazione, rabbia, confusione e oppressione. Sul corpo, il giallo produce un effetto tonificante sul sistema nervoso e migliora la digestione e il metabolismo intestinale;

– Blu: è una della tinte più rilassanti presenti in natura. Incita alla calma, al riposo e alla riflessione. L’uso del blu è particolarmente indicato nei bagni e nelle stanze da letto poiché coadiuva il riposo e il rilassamento fisiologico, dopo una lunga giornata di lavoro. Tuttavia, se usato in tonalità troppo tenui, può suggerire freddezza e distacco che ostacolano il naturale senso di accoglienza che ogni casa dovrebbe possedere. Il blu notte, invece può essere fonte di tristezza. Sul fisico, questo colore può avere un effetto febbrifugo e favorisce la distensione degli apparati muscolari;

– Verde: questa nuance ha un’azione stabilizzante dell’umore e favorisce l’equilbrio psicofisico. Si può usare in ogni stanza della casa, producendo un effetto calmante e favorendo la concentrazione. Nel soggiorno, stimola la socievolezza mentre in camera da letto migliora il riposo. Allevia gli effetti negativi dello stress e aumenta la fertilità. Sul corpo, il verde ha un effetto purificante e disintossicante. Per questo motivo, se utilizzato in cucina, può incitare a mantenere una corretta alimentazione, molto utile per chi sta seguendo una dieta;

– Viola: si tratta di una colorazione che stimola la riflessione e il pensiero. Inoltre, agisce positivamente sullo stress, riducendolo drasticamente. Nella variante più chiara, come il lilla o il lavanda, può suscitare malinconia e tristezza. Per questo motivo si consiglia di associarlo a colori caldi. Ha effetti positivi sull’insonnia e su patologie come l’asma. Il viola produce un incremento di endorfine, agisce sulla produzione ormonale e stimola l’attività della milza. Infine, ha un effetto calmante sul cuore, rallentandone i battiti;

– Arancione: questo colore è altamente emozionale e migliora la concentrazione e l’attenzione. Stimola l’immaginazione e la creatività. Per questo motivo, va utilizzato prevalentemente in stanze adibite al tempo libero e agli hobby, come il soggiorno o la palestra. Come il rosso, è una tinta molto eccitante, ragion per cui va usata con moderazione e mai all’interno delle camere da letto. Inoltre, questa tinta favorisce la respirazione e incrementa l’attività cardiaca;

– Indaco: è una variamente del blu e del viola, e per questo motivo, racchiude le proprietà di entrambi. Richiama sentimenti profondi e favorisce al meditazione e la riflessione. Inoltre, migliora l’intuito, rasserena gli animi turbati, aumenta il coinvolgimento emotivo. Può svolgere una funzione calmante su alcune problematiche di natura emotiva, come: l’ipocondria, le ossessioni, l’ansia, gli stati allucinogeni e le patologie senili. L’indaco ha proprietà anestetiche e purificanti. Migliora la tonificazione dei muscoli e del derma. Inoltre, favorisce la disintossicazione del corpo nei casi di intossicazione e riduce le infiammazioni della pelle e dell’intestino;

– Nuance neutre: comprendono colori basici, come il bianco, il nero, il grigio e il marrone e svolgono differenti funzioni. Associati a tinte forti, ne equilibrano l’azione, mitigandola o esaltandone i punti di forza. Alcuni, come il nero, possono accentuare il senso di profondità degli ambienti e donare senso di concretezza e decisione. Il bianco ha un potere vitalizzante e purificante. Stimola la produzione di vitamina D e il funzionamento delle ghiandole endocrine. Può migliorare diverse condizioni patologiche, quali: anemica, debolezza muscolare, fragilità mentale, memoria carente, stati d’ansia e invecchiamento precoce.

Per quanto riguarda la verniciatura dei soffitti, l’utilizzo di colori chiari favorisce un senso positivo di apertura e libertà. Inoltre, rende le stanze visivamente più ampie e accoglienti. I colori scuri, al contrario, possono generare la sensazione di oppressione e negatività, creando malessere in soggetti particolarmente sensibili agli effetti della cromoterapia.

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.

Devi tinteggiare il tuo ufficio? Scopri la cromoterapia per migliorare la produttività dei tuoi collaboratori.

L’ufficio è un luogo importante della nostra vita, dove passiamo buona parte della giornata. Renderlo confortevole è fondamentale per stare bene e migliorare la performance lavorativa. Imbiancare le pareti dell’ufficio di tanto in tanto consente all’ambiente di rinnovarsi ed igienizzarsi, divenendo piacevole e accogliente. Esistono tante tecniche diverse per trasformare il look del proprio ambiente lavorativo e renderlo stimolante. In questo articolo, forniremo dei consigli utili su come imbiancare il tuo ufficio.

Consigli su come imbiancare l’ufficio

All’interno dell’ufficio ci si dedica alla vita professionale, spendendo una buona fetta del nostro tempo. Lavorare in un ambiente caldo e accogliente, può stimolare la creatività e il buon umore, consentendoci di ottenere risultati migliori in tempi più brevi. Per questo motivo, ogni dettaglio dell’ufficio non va trascurato. Oltre all’utilizzo di un arredo consono alle attività svolte, moderno ed ergonomico, un ufficio necessita di essere imbiancato con colori adeguati al tipo di lavoro svolto, capaci di agire sul benessere dei dipendenti. Un tempo si riteneva che i colori vivaci e le fantasie potessero essere utilizzate solo in casa mentre l’ambiente di lavoro doveva apparire freddo e austero. Oggi, fortunatamente, le nuove scoperte nel campo della teoria dei colori e sulla cromoterapia, hanno rivoluzionato questa credenza, esaltando l’importanza del colore in ogni contesto umano.

Prima di scegliere quali colori adottare per le pareti dell’ufficio, è importante stabilire che tipologia di ambiente si desidera realizzare. Se l’ufficio deve assumere una connotazione formale e sobria, come nel caso di uffici legali o amministrativi, si può optare per le tinte neutre, come il bianco, il grigio e il beige. Tali colorazioni possono essere usate, sfruttando sfumature differenti. Ciò le rende più interessanti e sofisticate. Se, al contrario, si vuole creare un ambiente giovanile e dinamico, si possono abbinare tinte chiare a tinte forti e sbarazzine, come il rosso, il verde, il blu e l’arancione. Si tratta di una tendenza moderna che sta spopolando nei luoghi commerciali e che stimola la fantasia e l’immaginazione sia dei dipendenti sia dei clienti. Un altro importante aspetto da tenere in considerazione, quando si decidere di imbiancare l’ufficio, riguarda la luce. L’ufficio necessita sempre di una buona illuminazione per rendere più confortevole l’attività lavorativa, in ogni momento della giornata. Se l’ambiente consente l’ingresso di ingenti quantità di luce naturale, durante le ore di lavoro, si possono usare i colori scuri e rendere il contesto maggiormente definito. Al contrario, se filtra poca luce durante il giorno, è preferibile usare tinte chiare o pastello, in modo da rendere le pareti più luminose.

La scelta delle nuances da utilizzare in ufficio dipende anche dallo spazio a disposizione. Un luogo piccolo e ristretto può beneficiare dei colori chiari che tendono ad ingrandire lo spazio. Nonostante ciò, se non si vuole rinunciare ad un tocco di colore, si possono aggiungere degli elementi colorati sui pilastri e oppure su una singola parete, spezzando la monotonia dei colori chiari. Chi ha a disposizione uno spazio molto ampio, invece, può sbizzarrirsi con le tinte che preferisce e usarle per suddividere visivamente le varie zone dell’ufficio. Infine, per quanto riguarda i soffitti, l’uso del colore può influenzarne la percezione. Colori forti sui tetti, li fanno apparire più bassi mentre tinte luminose, li fanno sembrare più alti.

Usare la psicologia dei colori in ufficio

Non esistono dei colori ideali o stereotipati per dipingere l’ufficio. La scelta delle tinte da utilizzare va fatta in base agli obiettivi che si desidera raggiungere. In tal senso, ci viene incontro la psicologia dei colori che può essere applicata in ufficio, per migliorarne le condizioni lavorative. Per farlo, è necessario conoscere quali cromie stimolano la fantasia e mantengono alta la concentrazione. Adottare le giuste nuances, può influenzare l’attività del sistema nervoso e favorirne le potenzialità. Infatti, i colori possono essere usati per evocare un certo clima o atmosfera in ufficio. Possono creare movimento o alterare l’immagine dello spazio circostante. Ancora possono suscitare differenti tipi di emozioni, modificando lo stato d’animo delle persone.

Secondo la psicologia dei colori, il blu evoca un’intensa sensazione calmante e rilassante, che favorisce la riflessione e la concentrazione. Se utilizzato in un contesto lavorativo, può rendere più produttivi i dipendenti e aiutarli a mantenersi sereni per tutta la durata della giornata professionale. Per ottenere questo risultato, è preferibile utilizzare il blu nelle sue sfumature più morbide, come l’azzurro e il celeste. Se invece si vuole optare per un blu più deciso ed elettrico, è fondamentale alternarlo con tinte più chiare, in modo da evitare che crei una sensazione opprimente e di malinconia, tipico dei colori scuri. Un altro colore che può essere usato per imbiancare le pareti dell’ufficio è il giallo. Si tratta del colore per eccellenza dell’ottimismo e del buon umore. Stimola l’allegria e la positività e aumenta le vitalità delle persone. In ufficio crea una sferzata di energia e migliora la creatività. Se utilizzato in una variante pastello, può contribuire a rendere più produttivo l’ambiente di lavoro. Al contrario, se utilizzato in modo eccessivo e in una sfumatura troppo accesa, può provocare mal di testa e confusione mentale.

Il verde è un colore che evoca speranza e positività. Contribuisce a potenziare le funzioni cognitive, come l’attenzione e il ragionamento e favorisce l’immaginazione. Inoltre, secondo alcuni studio condotti dagli esperti del colore, il verde suscita calma e tranquillità, migliorando le relazioni tra le persone. Infine, possiede anche un effetto purificante e rigenerante. Colori come il rosso e l’arancione sono fortemente emozionali e possono influenzare positivamente o negativamente il clima dell’ufficio. Sono colori che incitano alla passione e alla vitalità, forniscono energia e aiutano l’intuito. Nonostante ciò, a causa del loro potere altamente eccitante sul sistema nervoso, se usati in modo eccessivo, possono causare nervosismo, irritabilità e stanchezza che possono ostacolare le relazioni lavorative in ufficio. Per questo motivo, è consigliabile usarli con parsimonia e in luoghi strategici delle pareti, per donargli carattere e brio. Se, invece, non si vuole rinunciare alle tinte neutre, come il bianco, si può optare per tonalità più sporche ed evocative, come ad esempio l’avorio, che hanno il pregio di far apparire già spazi più grandi e luminosi, trasmettendo una sensazione di calore e accoglienza. Le colorazioni neutre sono ottime anche per creare abbinamenti suggestivi. Se combinate a tinte forti, le smorzano e le contengono. In questo modo si possono usare colori accesi, senza generare oppressione e malessere.

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.

Vernice al Quarzo, tutti i segreti per tinteggiare la tua abitazione.

Imbiancare periodicamente la propria abitazione è indispensabile per mantenerla sempre fresca, luminosa e pulita. Infatti, la pittura riveste diverse funzioni: esalta gli spazi e l’arredamento, favorisce il benessere attraverso la cromoterapia e igienizza le pareti sporche. Oggi in commercio esistono tante diverse tipologie di vernice che, oltre a rinnovare l’estetica dell’ambiente domestico, contribuiscono a migliorare la qualità dell’aria e le condizioni delle pareti. La pittura al quarzo possiede molte caratteristiche vantaggiose, che la rendono molto facile da usare in ambienti differenti. In questo articolo, spiegheremo cos’è la vernice al quarzo e come utilizzarla.

Le caratteristiche e i vantaggi della vernice al quarzo

La vernice al quarzo è una pittura composta al suo interno da microgranuli di quarzo, resine sintetiche e acqua. Si tratta di una vernice molto semplice da stendere sia nelle pareti interne sia nelle pareti esterne, grazie alla sua elevata resistenza agli agenti atmosferici e alle sollecitazioni ambientali. É disponibile in una grande varietà di colorazioni, altamente pigmentate, e ideali per verniciare differenti ambienti, come le pareti di casa o dell’ufficio. La pittura al quarzo si ancora all’intonaco dei muri con facilità, creando uno strato di colore omogeneo e resistente. Per questo motivo, è adatta anche per muri che presentano imperfezioni, per donargli compattezza e levigatezza. La presenza del quarzo, consente alla vernice di non essere attaccata da agenti nocivi, come batteri e muffe. Infatti, questi microrganismi tendono a proliferare all’interno di ambienti umidi, come la cucina e il bagno e risultano dannosi per la salute. Utilizzare una pittura adeguata, consente di prevenirne l’insorgenza e preservare l’aria di casa. Infine, si tratta di un prodotto idrorepellente e traspirante, semplice da lavare e resistente a differenti temperature.

I vantaggi della pittura al quarzo

Negli ultimi anni, l’utilizzo della vernice al quarzo si è largamente diffuso, grazie ai numerosi vantaggi offerti. Ecco i principali:

– Resiste alla muffa: questo tipo di pittura impedisce la formazione di muffa e la proliferazione di agenti batterici, microorganismi presenti nelle zone umide della casa. Ciò garantisce pareti sempre pulite e sicure;

– Facile da applicare: la vernice al quarzo possiede una consistenza liquida e cremosa, molto semplice da stendere, anche su pareti imperfette. Inoltre, non necessita dell’uso di primer, per ancorarsi ai muri;

– Tante colorazioni disponibili: nei negozi specializzati si possono trovare pitture al quarzo in tante varianti di colore, per adattarsi ad ogni stile di arredamento e dare libero sfogo alla fantasia;

– Pittura lavabile: si tratta di un prodotto facile da pulire e, per questo, indicato nelle abitazioni dove sono presenti bambini e animali, spesso responsabili di macchie e irregolarità sulle pareti;

– Proprietà idrorepellenti: il quarzo conferisce alla vernice una buona resistenza agli agenti atmosferici e agli sbalzi di temperatura. Per questo motivo, può essere impiegata anche per imbiancare i muri esterni;

– Resistente nel tempo: questa vernice si fissa efficacemente al muro, creando uno strato di colore sottile e resistente sull’intonaco, capace di resistere a ogni tipo di aggressione. Ciò consente alla pittura di durare molto a lungo nel tempo, senza bisogno di essere ritoccata;

– Costo economico: si tratta di un prodotto con un ottimo rapporto qualità prezzo poiché offre buone prestazioni, ad un costo molto contenuto, rispetto ad altre tecnologie in commercio. Per questa ragione, è indicato per l’imbiancatura, non solo di piccole superfici, ma anche di ambienti molto ampi;

– Facile reperibilità: le pitture al quarzo si trovano facilmente in tutti i negozi specializzati nella vendita di vernici e prodotti per il fai da te. Sono disponibili in differenti formati, in base alle proprie necessità.

L’elevata resistenza della vernice al quarzo, tuttavia, potrebbe creare difficoltà al momento di rimuoverla e richiedere un intervento professionale, per la sua sostituzione. Inoltre, un ulteriore svantaggio, riguarda la sua potenziale vulnerabilità alla formazione di condense, in ambienti eccessivamente umidi. Nonostante questi piccoli difetti, la vernice al quarzo rimane un valido alleato per migliorare l’aspetto della casa, ottenendo elevate prestazioni, risparmiando.

Dove applicare la vernice al quarzo

La pittura al quarzo è un prodotto versatile, di facile uso, anche per chi non ha molta dimestichezza con il fai da te. Trattandosi di una vernice con caratteristiche idrorepellenti e antimuffa, è indicata soprattutto nei luoghi umidi della casa, come il bagno e la cucina, spesso soggetti a proliferazioni batteriche. Infatti, i fumi rilasciati dalla cottura e la frequente fuoriuscita d’acqua, rende le pareti di questi ambienti esposti alla formazioni di muffe, pericolose per le vie respiratorie. La vernice al quarzo è molto resistente, per questo motivo è il rivestimento ideale per muri difficili da trattare ed esposti all’azione degli agenti atmosferici. Può essere applicata efficacemente nelle facciate esterne delle abitazioni e nelle pareti che tendono a scrostarsi e a mantenersi umide. Si può usare anche per decorare terrazzi e balconi, offrendo un’elevata resistenza negli anni, senza bisogno di particolare manutenzione. Infine, la pittura al quarzo è indicata per le camerette dei bambini poiché può essere facilmente ripulita da sporco e macchie, semplicemente utilizzando un panno inumidito. In questo modo, è possibile posticipare nel tempo un nuovo intervento di riverniciatura.

Come usare la vernice al quarzo

Imbiancare una casa, utilizzando la vernice al quarzo, non comporta particolari difficoltà ed è una procedura che può essere realizzata anche dai principianti del fai da te. Tuttavia, esistono dei trucchetti, per rendere la stesura più omogenea a duratura e non rischiare di commettere errori. Per prima cosa, è necessario munirsi di attrezzatura professionale per la verniciatura. La vernice al quarzo può essere stesa sia con l’uso del rullo sia con i pennelli, a seconda della grandezza della superficie da trattare. Eventuali residui rilasciati sul pavimento, durante la pittura, possono essere rimossi facilmente con sostanze acide specifiche. Per quanto riguarda la quantità di vernice da acquistare, dipende dal numero di metri quadri da imbiancare. In genere, è necessario acquistare un litro di prodotto ogni 6 mq circa.

Preparare adeguatamente i muri è fondamentale per un’ottima resa della vernice. Rimuovere le tracce di pitture precedenti, strofinando della carta vetrata sulle pareti. Inoltre, utilizzare dello stucco sulle zone danneggiate, per ripristinarne la compattezza. Per favorire l’aderenza della pittura al quarzo, è possibile pretrattare le pareti con un primer isolante e aumentarne la porosità. La vernice va diluita utilizzando il 30% di acqua. Aiutandosi con un bastone in legno, mescolarla fino a completo assorbimento del liquido. Procedere stendendo uno strato sottile di pittura sul muro e attendere almeno 10 ore, tra una mano e l’altra di prodotto. In genere, per ottenere un buon effetto coprente, sono sufficienti un paio di mani di vernice.

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.

Vivere a colori: la cromoterapia in casa

Ognuno di noi si esprime e parla con il colore, anche se spesso non se ne rende conto. Il colore rivela il nostro stato d’animo e in molti casi è associato alle nostre sensazioni. Il colore ha quindi una forte influenza nella nostra vita.

Il motivo ce lo spiega la cromoterapia, una bioterapia che utilizza i colori a scopo terapeutico. In passato molto conosciuta e utilizzata da diverse civiltà è oggi tornata in auge, inserendosi quale terapia naturale dagli effetti dolci ma allo stesso tempo intensi ed efficaci. La cromoterapia si basa sul presupposto che la mancanza o l’eccesso di un particolare colore può provocare dannosi squilibri a livello psico-emozionale ma anche sul corpo. Così come l’utilizzo mirato di questo o quel colore può stimolare positivamente determinate funzioni organiche e psichiche.

Diamo alla nostra casa i giusti colori per noi. E diamo ai colori una giusta collocazione nella nostra casa. Nel far questo, ci viene in aiuto la cromoterapia, disciplina che promette equilibrio e benessere grazie all’interazione con il colore.

L’effetto dei colori agisce sul corpo e sulla mente determinando e spesso modificando la percezione della realtà e delle cose.

I colori caldi o chiari, come il rosso, l’arancione e il giallo sono quelli attivi e generano un’azione stimolante: accelerano la respirazione, i battiti del cuore, accrescono la tensione muscolare e favoriscono l’attività e la vitalità.

Soggiornare quindi in un ambiente dai toni caldi favorisce l’allegria, stimola le facoltà mentali ed energizza. I colori caldi come il rosso, in salotto stimolano la conversazione mentre il rosa suggerisce benessere e salute..

I colori freddi o scuri, come l’azzurro, l’indaco o il violetto hanno invece un effetto calmante: rallentano i ritmi vitali, favoriscono il sonno e il riposo; richiamano a una dimensione più spirituale e interiore.

Un ambiente dalle sfumature verdi o celesti comunica calma e distensione ed è quindi ideale per la camera da letto, per conciliare il sonno.

I colori freddi inoltre rendono l’ambiente più fresco: se le persone che soggiornano in una stanza a colori caldi come il giallo si sentono a proprio agio con una temperatura di 18 gradi qualora le pareti avessero colori freddi come il verde sentirebbero freddo a una temperatura di 20 gradi. I colori infatti penetrano più o meno profondamente all’interno del corpo a seconda della lunghezza d’onda.

Detto ciò, si può colorare un ambiente di casa in vari modi:

  • Le pareti sono sicuramente l’elemento più caratterizzante di un ambiente, perché esteso e importante: colorare le pareti e/o anche il soffitto, crea effetti visivi su ampia scala, permettendo di vivere uno spazio avendone un colpo d’occhio generale trasformato; quindi sia i rivestimenti a piastrella o a pannelli, sia vernici e carte da parati possono concorrere agli scopi desiderati
  • Anche la tonalità del pavimento ha grande importanza; col pavimento però si deve tenere in gran conto anche la funzionalità, cioè tra le altre cose la facilità di pulizia (quindi un colore più scuro potrebbe aiutare, dato che si sporca meno)
  • Le pareti non sono l’unico elemento che può influenzare un ambiente grazie ai suoi colori; possiamo variare un ambiente con pareti neutre grazie ad arredi colorati o a macchie di colore create da grandi quadri o poster
  • Ancora, possiamo colorare un ambiente variandone i tessuti: tende, tappeti, copri divani e poltrone, tovaglie, asciugamani, cuscini. Si tratta di elementi facilmente intercambiabili e che quindi possiamo variare frequentemente secondo i nostri stati d’animo, senza spendere troppi soldi
  • In ultimo possiamo creare significative atmosfere utilizzando lampade caratterizzate da soffici luci colorate in diverse sfumature.

 

ELEMENTI DA CONSIDERARE NELLA SCELTA DEI COLORI DI CASA

Per scegliere i colori più adatti a una certa situazione, occorre tenere presenti tanti elementi:

  • profondità spaziale di un ambiente, quindi le sue dimensioni;
  • distribuzione della luce naturale di giorno e artificiale di sera in quell’ambiente, considerando anche la grandezza e la posizione di eventuali finestre, nonché la loro esposizione;
  • materiali che faranno parte di quell’ambiente;
  • tipologia di funzione a cui sarà destinato quell’ambiente (o anche una sola porzione di ambiente);
  • sensibilità e il gusto della persona che passerà più tempo in quell’ambiente;
  • forma di un ambiente e tutte le caratteristiche che possono interrompere una regolarità; quando le stanze non presentano pareti a parallelepipedo perfettamente lisce e regolari, le irregolarità possono essere sfruttate proprio col colore per creare contrasti ed effetti diversi: colonne, pilastri, rientranze, nicchie, curve, etc.

PANORAMICA DEI COLORI PER LA CASA

Per capire in generale quali effetti, positivi e negativi, possono avere i colori su un ambiente e sugli individui, ecco una panoramica dei principali:

  • Rosso
    è un colore forte, a cui è data una connotazione maschile. È posto all’inizio dell’arcobaleno e solitamente ha un effetto eccitante che aiuta a uscire dall’apatia. In senso positivo può evocare l’amore, il calore, la passione; in senso negativo può ricordare il sangue, e quindi la violenza, la guerra, etc.
  • Giallo
    è un colore molto stimolante e solitamente ha un’azione energizzante, poiché è il colore del sole e della luce che noi percepiamo. Per questo il giallo può anche renderci addirittura felici. I sentimenti negativi legati al giallo sono invece disonestà, tradimento e addirittura malattia.
  • Blu
    è un colore che la nostra mente conosce bene, perché è il colore del cielo e del mare. Il blu rappresenta la calma e i grandi spazi, quindi solitamente ha un effetto molto rilassante, che induce alla riflessione, all’armonia e anche all’apertura verso gli altri. Tuttavia il mare può anche ricordare le burrasche, così come l’immensità del cielo e dell’oceano possono scatenare sensazioni di terrore e impotenza; inoltre il blu può trasmettere una sensazione di freddezza.
  • Verde
    anche questo è un colore che conosciamo bene, perché è quello della natura. Ricorda quindi la vita, la forza, la fertilità; è rassicurante, calmante e sembra che abbia un effetto benefico sulla percezione dei cattivi odori, rendendoli quanto meno sopportabili. Negativamente il verde trasmette sensazioni di gelosia, invidia e veleno.
  • Arancione
    è un colore che ricorda anch’esso il sole e il caldo; dà energia, ma anche sensazioni di defaticamento e quindi aiuta la concentrazione; negativamente l’arancio può trasmettere sensazioni di irritabilità e di soffocamento.
  • Rosa
    è il colore della femminilità. Ricorda ingenuità e debolezza, ma anche giovinezza e delicatezza. E’ rilassante, ma in senso negativo può diventare irritante.
  • Nero
    è la negazione di tutti i colori. E’ infatti la tonalità della notte, quindi rappresenta il buio e la paura, ma anche il mistero, il fascino, l’eleganza, il potere. Inoltre nella nostra cultura il nero è il colore del lutto. Solitamente dà sensazioni di tristezza, rende introversi e risulta deprimente.
  • Grigio
    è considerato il colore della modernità, ma dipende anche dai materiali ai quali è associato. E’ solitamente associato a intelligenza e pulizia, ma di contro può appunto ingrigire, cioè rendere malinconici e trasmettere sensazioni di freddezza.
  • Bianco
    è il colore neutro, ma anche il più puro. Infatti simboleggia la purezza, ma anche la pulizia e l’ordine. Può però risultare opprimente, freddo, monotono e affaticare l’occhio perché abbaglia, soprattutto in ambienti grandi.
  • Viola
    è considerato il colore dell’aldilà, può simboleggiare infatti anche santità e penitenza; in ogni caso è associato a intelligenza e conoscenza; è rilassante e favorisce il sonno.

E’ chiaro che non esistono solo questi colori e come detto ognuno di questi ha migliaia di sfumature e tonalità diverse, che possono regalare sensazioni del tutto differenti da quelle qui esposte. A volte trovare il colore giusto è anche una questione di amore a prima vista.

 

EFFETTO VISIVO DEI COLORI DELLA CASA

In generale, si possono tenere a mente alcuni principi fondamentali per scegliere colori e sfumature adatti a determinate situazioni:

  • colori chiari allargano visivamente la percezione dello spazio;

 

  • colori scuri rimpiccioliscono visivamente la percezione dello spazio;

 

  • Un colore chiaro accanto a uno scuro sembra più chiaro di quello che è in realtà;

 

  • Un colore scuro accanto a un colore chiaro sembra più scuro di quello che è in realtà;

 

  • Le tinte tenui, cosiddette pastello, danno sensazioni di freschezza;

 

  • Le tinte accese, intense, forti, su ambienti grandi possono dare sensazioni opprimenti;

 

  • Icolori chiari aiutano a illuminare gli ambienti, soprattutto il bianco;

 

  • Il soffitto molto alto di un ambiente, se dipinto di scuro, aiuta ad avvicinarlo visivamente al resto della stanza;

 

  • In spazi piccoli uno stesso colore utilizzato in differenti tonalità può aiutare a dare continuità e ampiezza all’ambiente;

 

  • Icontrasti tra colori diversi possono creare piacevoli effetti visivi.

 

LA MIA ESPERIENZA PERSONALE

Da circa un anno e mezzo ho cambiato casa in funzione di un ambiente più spazioso e, ovviamente, più personalizzabile.

Vivo in un appartamento costruito alla fine degli anni sessanta, di 85 metri quadrati ristrutturato una quindicina di anni fa. La scelta è stata fatta in funzione degli spazi, quelli delle case non recenti, più ampi e a mio gusto più gradevoli. A differenza delle case di recente costruzione dove si preferisce una classe energetica più alta diminuendo la metratura, l’appartamento in questione è ricco di spazi  e di possibilità di decorazione.

Reduce da esperienze poco piacevoli con incompetenti nel campo, mi sono rivolto a Felice Mulfari, un professionista che ha saputo interpretare alla lettera le mie scelte, da subito molto chiare in quanto per formazione e lavoro sono molto legato al colore.

L’appartamento è così diviso: ingresso, salotto, cucina semi abitabile, corridoio che si apre in due camere e due bagni più un piccolo ripostiglio.

Amando molto i colori dai toni riposanti e freschi, la scelta è stata assecondata anche dal colore della cucina, un azzurro non vivace ma di carattere.

Ho quindi scelto per l’ingresso un colore blu scuro, dipinto a scatola, quindi in tutti i lati compresi porta blindata e soffitto, per ottenere un effetto accogliente ed intimo appena si entra. Tale effetto fa si che la stanza successiva risulti più ampia grazie alla percezione di una nuova luce.

Il salotto è stato dipinto in due colori, due toni di verde-azzurro polverosi che mi ricordano i toni del mare. In cucina, ho scelto una trama a righe verticali del tono più chiaro di azzurro del salotto, per dare sia continuità con gli ambienti, appena divisi da un arco e per rendere più gioiosa la stanza.

Color sabbia è il corridoio della zona notte, tono neutro per la seconda parte dell’abitazione che va poi a diramarsi in un bagno quasi interamente piastrellato su cui si è deciso di rinfrescare il bianco con un bianco azzurrato. Per le due camere da letto, ho scelto tonalità del verde sempre con un punto di grigio al loro interno, quindi sono i toni del salvia, del latte e menta, a fare da padroni.

Il bagno degli ospiti invece è stato dipinto di rosso, colore che non c’entra sicuramente con gli altri ma scelto per assecondare la colorazione della greca decorativa delle piastrelle; un mito da sfatare è che in un ambiente che ha scarsa illuminazione come in questo caso, bisogna schiarirlo con toni chiari, la verità è che si rischia di rendere squallido un ambiente che potrebbe donare sensazioni avvolgenti ed intime allo stesso tempo senza rendersi claustrofobico.

Completano il restyling le cornici da soffitto in poliuretano e i battisedia che donano quell’aspetto internazionale e senza tempo che non viene condizionato dalle tendenze del momento rendendosi sempre attuale.

Nella ristrutturazione eseguita precedentemente, gli infissi e le porte sono stati realizzati in due tonalità di legni molto diversi tra loro e peraltro non si sposavano per niente con le mie scelte di restauro mediante il colore: ho così deciso di ridipingerli di bianco azzurrato, aggiungendo cornici modanate e rendendo il tutto più armonico.

Concludendo, voglio consigliare a tutti di affidarsi a professionisti del campo come ho fatto io, avrete di sicuro un lavoro fatto come si deve, che dura nel tempo e che vi farà sicuramente felici!

 

Enrico Ballarin

 

 

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.

Come rimuovere la muffa dalle tue pareti?

Il problema su come togliere la muffa dalle pareti affligge molte abitazioni, in particolar modo quelle soggette ad umidità ed infiltrazioni d’acqua. Gli ambienti domestici maggiormente colpiti sono quelli umidi, come il bagno e la cucina, ma anche zone della casa poco aerate, come sgabuzzini e lavanderie. La muffa si insinua soprattutto negli angoli alti dei muri, maggiormente esposti alle basse temperature. Questi microorganismi, oltre a causare antiestetiche macchie, liberano sostanze nocive per la salute e per questo motivo andrebbero rimossi non appena fanno la loro comparsa.

Esistono tanti rimedi efficaci su come togliere la muffa dai muri, alcuni a base di sostanze chimiche e altri realizzati con ingredienti naturali. Una soluzione veloce ed efficace consiste nell’utilizzare la candeggina. Se spruzzata sulle superfici da trattare, rimuove rapidamente le macchie. Eventuali residui possono essere rimossi con l’ausilio di un panno asciutto. Questo metodo può essere usato solo su pareti bianche poiché su tinte colorate potrebbe provocarne lo sbiadimento. Quando si tolgono le macchie di muffa dai muri con prodotti chimici come la candeggina, è fondamentale evitare di respirare i gas tossici rilasciati da queste sostanze, aprendo le finestre per far arieggiare gli ambienti domestici e proteggendo pelle e occhi con l’uso di guanti e mascherine.

Gli amanti dei rimedi naturali ed ecologici su come pulire la muffa dal muro, invece, possono realizzare dei detergenti antimuffa fai da te, utilizzando alcuni ingredienti con proprietà antimicotiche. Uno di questi è l’aceto che, unito all’acqua, diventa un potente detergente contro la muffa. Sulle macchie più ostinate può essere usato anche puro. Purtroppo questa soluzione, seppur molto efficace, può risultare sgradevole a causa del forte odore dell’aceto. Per ovviare a questo problema, basta lasciare le finestre aperte per qualche ora. Anche gli oli essenziali sono degli ottimi rimedi contro la muffa. Uno di questi è il Tea Tree Oil, molto conosciuto per le sue proprietà benefiche sulla pelle ma utile anche in casa. Mescolando questo olio con l’aceto, si possono rimuovere le macchie sui muri in modo rapido. Si tratta di un rimedio su come eliminare la muffa dai muri efficace anche sulle macchie vecchie ed estese, per le quali è preferibile aiutarsi con una spazzola. L’olio di Tea Tree, se associato a qualche goccia di limone, aumenta il suo potere disinfettante e sbiancante.

Tra i rimedi naturali su come togliere la muffa dai muri, ci sono anche il bicarbonato e l’acqua ossigenata. Per creare un detergente a base di bicarbonato, basta miscelarlo insieme all’acqua, all’aceto e ad alcune gocce di olio essenziale di limone e di lavanda. La lozione può essere spruzzata direttamente sulle zone colpite dalla muffa e va lasciata agire per un’ora, senza risciacquare. Questo detergente naturale ha proprietà antibatteriche, sbiancanti e disinfettanti e favorisce delicatamente il distacco della muffa dalle pareti, senza rovinare l’intonaco. Questo rimedio può anche essere usato successivamente a scopo preventivo, in modo da scongiurare la formazione di nuove macchie.

Per quanto riguarda i rimedi a base di acqua ossigenata, una ricetta consiste nel miscelare questo prodotto con l’acqua e il sale. Se si vuole aumentare il potere sbiancante, si può aggiungere anche il bicarbonato. Con questo detergente le macchie dai muri verranno via in pochi minuti. Tuttavia uno degli svantaggi consiste nell’impossibilità di usarlo su zone con applicazioni metalliche, in quanto l’acqua ossigenata potrebbe corroderle e ossidarle irrimediabilmente. Tutti questi rimedi naturali su come togliere la muffa dal muro possono essere usati singolarmente o insieme, a seconda delle necessità, e non presentano controindicazioni per la salute, a differenza di quanto accade per i detergenti chimici.

Fonte: https://www.prontopro.it/blog/come-eliminare-la-muffa-dai-muri/

 

 

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.

Vuoi eliminare la muffa dalle tue pareti? Leggi la guida di blogantimuffa.it!

Probabilmente se stai leggendo questo articolo sei alla disperata ricerca di suggerimenti validi e facili da mettere in pratica per eliminare la muffa dalle pareti di casa tua una volta per tutte.

Già perché eliminare la muffa in casa è possibile, dire addio all’umidità non è solo un sogno. La cosa fondamentale in questo percorso è capire prima di tutto perché la muffa e l’umidità invadono le mura domestiche: solo comprendendo le cause è possibile giungere ad una soluzione ad hoc.

Questo articolo vuole essere una piccola guida per comprendere da dove arrivano muffa ed umidità e scegliere gli strumenti per eliminare la muffa.

DA DOVE ARRIVANO L’UMIDITA’ E LA MUFFA.

Quando sui muri di casa iniziano a comparire le prime macchie di muffa la maggior parte delle persone non si preoccupa di agire in breve tempo, del resto pensano “è solo qualche macchia posso tenere la situazione sotto controllo”.

Non c’è nulla di più SBAGLIATO! La muffa nuoce gravemente alla salute di chi respira le sue spore, provoca allergie e difficoltà respiratorie quando la situazione sfugge di mano. Quindi se anche tu hai notato qualche piccola macchia sui muri del bagno o della cucina non perdere tempo: agisci!

L’umidità può provenire:

  1. dall’interno della casa, ad esempio a seguito della rottura di un tubo nel bagno oppure dell’eccessiva condensa in cucina;
  2. dall’esterno della casa, risalendo dal terreno oppure come conseguenza di infiltrazioni.

TIPOLOGIE DI UMIDITA’ E MUFFE.

Come ti accennavo all’inizio per eliminare la muffa definitivamente è necessario capire la cause che l’hanno generata e la tipologia di muffa con la quale abbiamo a che fare. Riconoscere le diverse tipologie di umidità e di muffa è molto difficile per i “non addetti ai lavori”: vediamole insieme.

 

Umidità di risalita

L’umidità di risalita è un fenomeno dovuto, nella maggior parte dei casi, ad una scarsa qualità dei materiali e delle tecniche utilizzate nella costruzione della casa.

Nella pratica accade che l’acqua, risalendo dal terreno, non incontra niente che la ostacola e per questo penetra nel muro: questo fa sgretolare l’intonaco e provoca all’interno della casa muffa sulla parete interessata.

Le conseguenze di questo spiacevole fenomeno si traducono in:

  • muro freddo
  • aumento delle spese di riscaldamento
  • sbriciolamento dell’intonaco
  • ripercussioni sulla salute

Umidità e muffa da infiltrazioni d’acqua.

Il problema dell’umidità e della muffa può essere dovuto anche alle infiltrazioni dell’acqua proveniente dal tetto: questa tipologia di muffa è più facile da individuare dal momento che determina evidenti chiazze sul soffitto che, in alcuni casi, inizia a gocciolare o a perdere parti di intonaco.

Umidità e muffa da Condensa.

Umidità e muffa da condensa derivano da cause interne all’abitazione.

In questo caso la condensa si presenta sui muri sottoforma di macchioline nere localizzate, pensiamo ad esempio alla muffa che si forma intorno agli infissi. Un altro modo per riconoscere in breve tempo questa tipologia di muffa consiste nel guardare i vetri delle finestre durante le prime ore del mattino: se c’è condensa noteremo che i vetri sono appannati e presentano delle goccioline.

La presenza di condensa è dovuta principalmente all’evaporazione dell’acqua presente nell’aria: una cosa molto importante da fare a questo proposito è quella di arieggiare sempre la casa, soprattutto nelle prime ore del mattino.

Questo ti aiuterà sicuramente a prevenire la formazione di questo fenomeno e a combattere la muffa.

Dunque per eliminare l’umidità dai muri e minimizzare la possibilità di formazione di muffa ricordati di:

  • non asciugare mai i vestiti in casa mettendo lo stendino vicino al termosifone perché questo agevola la formazione di umidità;
  • quando cucini, accendi sempre la cappa sopra il forno;
  • dopo esserti lavato per eliminare la muffa dalla doccia apri sempre le finestre per ripulire l’aria.

COME RISOLVERE IL PROBLEMA.

Come eliminare la muffa per sempre? Dopo aver compreso le cause che determinano questo fastidioso fenomeno ed identificato le tipologie di umidità e muffa che possiamo incontrare, passiamo all’azione.

Gli strumenti da utilizzare e la strategia da seguire cambiano a seconda del tipo di muffa con cui abbiamo a che fare.

Per eliminare l’umidità in casa e risolvere il problema della muffa derivante dall’umidità di risalita è opportuno deviare il corso dell’acqua, dal momento che ostacolarlo non è possibile.

Per eliminare la muffa non è opportuno, in questo caso, usare stucchi tradizionale dal momento che non sono resistenti alla forza che l’acqua ha quando risale. Una valida alternativa è rappresentata dallo stucco impermeabile, come quello usato nella riparazione delle piscine.

Prima di tutto ripulisci il muro, poi applica con una spatola dentata lo stucco impermeabile e solo dopo che questo sarà completamente asciutto, potrai prima dare una passata di fissativo acrilico e poi riverniciare.

Se invece ti trovi ad avere a che fare con macchie di muffa ti consiglio di evitare prodotti per eliminare la muffa fortemente chimici: stiamo parlando dei classici spruzzini che si vendono in commercio a poco prezzo. Questi sono altamente tossici per la salute delle persone e nella maggior parte dei casi non sono un valido aiuto eliminare la muffa.

Se invece ti stai chiedendo come si elimina la muffa dai muri in taverne e cantine è opportuno scavare a fondo e con l’aiuto di un esperto per cercare di capire dove si trova la fonte dell’umidità.

Per togliere la muffa dai muri ti sconsiglio vivamente di utilizzare spray a base di candeggina: eliminare la muffa con la candeggina rappresenta una soluzione temporanea dal momento che il muro torna ad essere bianco ma di fatto il problema non è risolto.

Stai pur sicuro che nel giro di qualche mese la muffa tornerà a farti visita, più cattiva di prima.

CONCLUSIONE

Eccoci giunti alla fine di questa piccola guida su come eliminare la muffa.

Spero di esserti stato di aiuto per capire le cause che determinano la comparsa della muffa e, soprattutto, spero che tu abbia identificato la soluzione che più si adatta al tuo caso per eliminare la muffa una volta per tutto.

Voglio ricordarti ancora una volta di evitare di usare prodotti chimici e cercare di eliminare la muffa sui muri con la candeggina: questo è chiaramente un metodo economico ma per niente efficace.

Per maggiori informazioni: http://blogantimuffa.it/come-eliminare-definitivamente-la-muffa-con-il-ciclo-termoisolante/

 

 

 

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 in Italia: ovviamente ho dato una mano 🙂

Il successo di mio padre nasce anche grazie alla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line nel settore e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog: mulfarimbianchino.com.

Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo e un eccellente conversione in termini di clienti acquisiti.